Il gatto dalla testa piatta

Il gatto dalla testa piatta: è il felino meno conosciuto al mondo e rischia di scomparire.

Pensavate di aver visto tutti i gatti? Io questo non lo conoscevo. Ha una strana testa e le zampine palmate. Purtroppo rischia di scomparire per sempre a causa dello sconfinamento di piantagioni di biocombustibile nel suo habitat naturale.

Flat-headed cat

Flat-headed cat, il gatto dalla testa piatta

Questo gatto è incredibilmente nato per nuotare e si nutre di gamberetti e pesci.

Quindi se credete nel mito dei gatti che odiano l’acqua dovete proprio vederlo!

Il piccolino nell’acqua praticamente ci vive, si muove velocemente con la sua testa piatta e le zampine palmate; pensate alla sorpresa di trovarne uno!

Ha anche un altro record: quello di essere il felino meno conosciuto al mondo. Questo è uno dei pochi video reperibili che ne documentino l’esistenza.

I nostri pelosetti sono originari delle foreste pluviali di Thailandia, Malesia ed Indonesia.

Notturni, sfuggenti e piccolissimi (possono pesare da 1,5 a 2 kg), hanno una coda di circa 14 cm e sono difficili da osservare. Ce ne sono soltanto due al mondo che vivono in cattività e di loro si sa pochissimo.

Grazie alle sue zampine palmate può muoversi meglio su terreni fangosi e nell’acqua e le sue sono perfino più sviluppate di quelle presenti nel gatto pescatore, suo stretto parente. Gli artigli sono solo parzialmente retrattili, come quelli del ghepardo. La forma della testa è piuttosto insolita per un felino: il cranio è abbastanza lungo, mentre la calotta cranica è piuttosto appiattita. Anche la posizione degli occhi è insolita: rispetto a quella degli altri felini, infatti, sono piuttosto ravvicinati tra loro e posizionati molto in avanti: questo consente al nostro pelosetto di godere di una visione stereoscopica. Inoltre i denti si sono adattati a far presa su prede scivolose e le mandibole sono relativamente potenti, quindi un gatto a testa piatta è in grado di afferrare e trattenere prede acquatiche con la stessa abilità del gatto pescatore.

Un gatto pescatore e un gatto dalla testa piatta

Un gatto pescatore (a sinistra) e un gatto dalla testa piatta (a destra)

In base ad un recente studio, condotto dal National Geographic, l’habitat di questo splendore sta rapidamente scomparendo per trasformarsi in piantagioni di biocombustibile.

Ormai secondo i loro calcoli il 70% del territorio adatto a questi gatti è stato distrutto, deforestato per la coltivazione di palme adatte alla produzione di carburante. Solo il 16% del territorio è stato protetto dalla IUCN, Unione Internazionale di Conservazione della Natura.

Dato che si stima l’esistenza di  ormai solo 2500 esemplari di gatto dalla testa piatta, si può definire un animale a forte rischio di estinzione.

Andreas Wilting, del Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Reserch, sta facendo il possibile per creare maggiore consapevolezza ed interesse nei confronti di questa specie, nella speranza che ci sia una maggiore possibilità ed aiuto per la sua salvaguardia.

Andreas Wilting

Andreas Wilting

Speriamo che il suo lavoro contribuisca alla salvezza di questo micio così particolare e affascinante.