Svelato il nuovo iPhone 6 di Apple, in realtà sono due

Oggi, alle 17:00 la famosa casa di Cupertino, ha rivelato il tanto atteso iPhone 6,confermati i rumors che parlavano in realtà di due modelli distinti. Vediamo quindi le meraviglie che ci ha riservato la Apple.
iphone

Diamo quindi il benvenuto all’iPhone 6 e l’iPhone 6 Plus.

La primissima cosa che salta agli occhi due due modelli nuovi è la dimensione del display, circa 12 centimetri (4.7 pollici) per l’iPhone 6 e di ben 14 centimetri (5.5 pollici) per l’iPhone 6 Plus.

13b1337900f5bd3d8c0965b3ffaaf490753313a9_large

 

I display più grandi permettono all’iPhone 6 di superare il milione di pixel ed all’iPhone 6 Plus di oltrepassare i due milioni di pixel. iPhone 6 Plus ha una risoluzione Full HD di 1920×1080 pixels, con 401 pixel per pollice, mentre il fratellino minore avrà una risoluzione di 1335×750 con circa 350 pixel per pollice, una versione evoluta del Retina Display HD.

Grazie al sistema Dual Domain Pixels il display avrà un ampissimo angolo di visuale, permettendo di godere di imamgini perfette anche col device molto inclinato. La stessa tecnologia permette di avere colori più saturi e vividi, offrendo tutta la gamma sRGB (solitamente usata sui display dai profesionisti della fotografia).

e0528f7b566dd12545b51b5ecf0e6f14bab1cb8c_large

Tutta l’interfaccia è stata disegnata pensando ad un utilizzo in posizione landscape (col cellulare in orizzontale), durante tutta la presentazione quasi sempre il dispositivo è stato mantenuto in questa posizione.

 

cdd40f7162ec75f70afe88cc4488e160757f5bf2_large

Il ritorno alla forma total round permette al vetro “ion-strenghtned” (rinforzato con un processo chimico) di unirsi in modo invisibile al corpo in alluminio anodizzato. Il nuovo iPhone 6 avrà uno spessore totale di 6.9mm mentre il modello plus sarà spesso soli 7.1mm, entrambi più fini rispetto all’iPhone 5 spesso 7.6mm.

Prestazioni da console

e56638683d84f56eec89e2c5993d949f8b212d00_large

Il cuore pensante del nuovo iPhone 6 sarà il chip A8 di produzione interna, questo permetterà performances del 25% superiori rispetto ai predecessori, ed un incremento nelle prestazioni grafiche del 50%.

17e0c812aea6feb8defa926619632dd5b1a2f0b2_large

 

Questo rende l’iPhone 6 84 volte più veloce rispetto al primo modello di casa Apple. Grazie al retina display ed alle incredibili performance grafiche del chip A8 l’iPhone 6 sarà migliore di una console per videogiochi.

60ff3a9a2309c98267ea789e5f6f606ce513f03f_large

 

La scheda WiFi 802.11ac permetterà collegamenti wireless 5 volte più veloci rispetto al vecchio modello, inoltre i protocolli VoLTE saranno totalmente supportati. Questo permetterà di fare chiamate utilizzando la rete WiFi dove il segnale della telefonia mobile è troppo debole.

Una nuova iSight Camera

Ma andiamo finalmente ad analizzare quella che sembra essere stat uno dei maggiori punti di forza su cui Apple ha impiegato le sue risorse, la fotocamera ed il sistema di imaging.

La iSight camera era già incredibilmente performante, ma Apple sembra aver dedicato molto dello sviluppo a renderla ancora migliore, grazie ad una sinergia tra hardware e software.

2a9c67259572882d31a47eec7553be7faccd4e2b_large

Apple sembra inoltre pensare che buona parte delle foto scattate con il nuovo iPhone 6 saranno ritratti, per questo ha introdotto una funzionalità che riconosce i volti lontani e quelli vicini nella stessa inquadratura, che riconosce automaticamente le espressioni dei volti e di consigliare quale foto di un burst (una serie di scatti in rapida sequenza) contiene le espressioni migliori.

E’ stata aggiunta una modalità di ripresa HDR in un singolo scatto (se ricordate il nostro articolo sulla fotografia col cellulare saprete quanto questo incrementi la qualità delle foto scattate) invece che coi soliti 3 o più.

d1e0aef465ab6edbbe798bf587b326ce237055ac_large

La funzionalità delle foto panoramiche permette ora di scattare dei panorami ad una risoluzione clamorosa di 34 megapixels, e con uno stitching (la tecnica usata per nascondere i punti di giunzione tra le foto) pressochè invisibile.

Tecnicamente parlando la iShight camera ha una risoluzione di 8 megapixel, un diaframma di  ƒ/2.2 ed una stabilizzazione ottica. Questo significa che saranno le lenti a compensare il movimento durante lo scatto e non un software, questa tecnologia si trova nelle ottiche fotografiche professionali.

La tecnologia Focus Pixels permette inoltre alla camera dell’iPhone 6 di avere una messa fuoco molto più veloce, e di “prevedere” il movimento del dispositivo grazie a degli “otturatori virtuali” posizionati sul sensore.

Video HD, Slow Motion e stabilizzazione

Se in ambito fotografico Apple si sta avvicinando pericolosamente alle fotocamere professionali, anche in ambito video l’iPhone 6 si ripromette di fare concorrenza alla fascia media di videocamere. L’iPhone 6 permetterà di girare video in Full HD a 30 o 60 fotogrammi al secondo.

77537d0cb9b30b559efab93369427efdf8e6e6ec_large

La cosa interessante è l’incredibile slow motion di cui è capace il nuovo nato di casa Apple, sarà possibile registrare video a 120 frame al secondo o addirittura a 240 fotogrammi al secondo. Lasciatevelo dire da un professionista del settore, è un miracolo per un oggetto così compatto.

Sia lo slow motion che il time lapse (la ripresa di fotografie singole a distanza di qualche secondo, che permettono di vedere lo scorrere del tempo “velocizzato” come spiegato in questo articolo) saranno possibili grazie al chip A8 e grazie ad un totalmente nuovo codec di compressione video annunciato da Apple.

 

Health App, un medico in tasca

Un altra feature su cui ha puntato molto la Apple pare essere la Health App. Apple ha trascorso gli ultimi anni a riunire medici, esperti di sensori ed enti nazionali per la salute al fine di ottenere uno strumento che sia DAVVERO utile per analizzare il proprio stato fisiologico.

3188f66f7182416484069f1f9e7a05abc001bfef_large

Sul nuovo iPhone 6, oltre ai sensori giroscopici di movimento e l’accelerometro, è stato introdotto un termometro/barometro. Lavorando in congiunzione, questi strumenti, permetteranno di analizzare l’attività fisica delle persone, ed eventualmente fare delle pre diagnosi da inviare al proprio medico curante.

Apple Pay, addio alla moneta ed alle carte di crcedito

Ed infine parliamo di una delle feature su cui Apple pare puntare molto. L’iPhone 6 e l’iPhone 6 Plus avranno una innovativa tecnologia di pagamento touch-less chiamata Apple Pay. (Mi sono chiesto se in questo prodotto la “i” classica di Apple sia stata rimossa per non renderlo inolontariamente comico).

apple-sep2014-event-09

Tim Cook è salito sul palco per affermare, giustamente, che le carte di credito ed i pagamenti in generale, sfruttano un sistema ormai vecchio di 50 anni. La moneta fisica è “rubabile”, le carte di credito mostrano dati personali ed utilizzano bande magnetiche e chip facilmente clonabili. Per questo, secondo Tim, Apple vule dire addio definitivamente al classico portafogli col nuovo sistema di pagamento Apple Pay.

In parole povere sarà possibile aggiungere una carta di credito o debito sul Passbook utilizzando il codice di iTunes, oppure fotografandola con la camera del telefono (e confermando i dati ovviamente).  Al momento dell’aggiunta della carta questa non verrà mai memorizzata sul vostro cellulare o sui server della Apple (forse il recente scandalo delle foto delle star nude ha messo paura ad Apple ?)

Il pagamento avverrà semplicemente avvicinando il telefono alla cassa. Grazie al sensore di prossimità (un’antenna NFC radio) interno dell’iPhone si pagherà in un tap, confermando il tutto con le proprie impronte digitali grazie al Touch ID dell’iPhone 6.

3b21ff7052f12ca4faa0d6950b301b6c3a3a1f80_large

Per questioni di privacy sarà impossibile per la Apple sapere quanto avete speso, quando o cosa avete acquistato. Anche il cassiere non potrà mai leggere il codice della vostra carta o sapere il vostro nome. Tutto l’acquisto avveràà sempre in totale anonimato. Per ogni transazione verrà generato un codice segreto univoco che il telfono e la cassa utilizzeranno per confermare il pagamento.

Al momento Apple Pay è supportato dai maggiori circuiti di credito come Mastercard, Visa ed American Express ed è disponibile in alcune grosse catene come Mc Donalds, Sephora, Groupon, Disney e la Apple stessa, per un totale di 220.000 store. Apple Pay ovviamente sarà utilizzabile anche per tutti i servizi online.

Non è tutto oro quel che luccica però, il nuovo Galaxy della rivale Samsung sembra “bagnare il naso” a questo iPhone, con al sua fotocamera da 16MPixel, con stabilizzatore ottico ed il suo display Quad HD, la penna sensibile alal pressione e la rivoluzonaria batteria  aricarica veloce.  Apple insegue invece di precedere come aveva sempre fatto? Forse le voci dell’inizio del declino dopo la scomparsa di Jobs erano fondate?